Skip to content

Savona 2021: schema di governo

di Franco Astengo Per la prima volta dall’entrata in vigore della legge sull’elezione diretta del Sindaco (1994) Savona ha la possibilità di invertire la curva del declino in cui l’hanno costretta le precedenti amministrazioni. Tocca alle forze progressiste e al neo-Sindaco impegnarsi in questa direzione, suffragati da un consistente voto popolare e appoggiati su di […]

Leggi di più…

Esiti elettorali

di Franco Astengo Sarà bene cercare di discernere tra le diverse motivazioni che hanno giustificato il senso di sollievo prodotto dall’esito dei ballottaggi di domenica e lunedì 17-18 ottobre. Dal punto di vista di una possibile articolazione d’analisi sembrano essere 4 le questioni emergenti: 1) la ripresa nella capacità di imporsi da parte di un […]

Leggi di più…

Savona 2021: la vittoria di Marco Russo è la vittoria di tutta la città

di Franco Astengo Savona volta pagina e dopo il soffocante quinquennio di governo della destra vota un nuovo Sindaco, Marco Russo appoggiato da una coalizione democratico – progressista che ha saputo fornire una prova importante di espressione progettuale e di coerenza politica. Nel ballottaggio la vittoria di Marco Russo ha assunto dimensioni di sicuro rilievo […]

Leggi di più…

Presidenze di scambio?

di Sergio Acquilino Il potere, diceva Andreotti, logora chi non ce l’ha. Viene in mente questa frase mentre leggiamo il teatrino delle dichiarazioni, avances e controdichiarazioni sui prossimi presunti candidati a presidente del Consiglio Comunale di Savona. E, per un pugno di voti, scopriamo l’inaspettata generosità di Toti che offre la presidenza del consiglio comunale, […]

Leggi di più…

Democrazia nel post-moderno

di Franco Astengo Dalla “Democrazia del Pubblico” (Manin) alla “Democrazia Recitativa” (Crouch) fino alla “Democrazia delle Emozioni” teorizzata da Pierre Rosanvallon: mutano in tempi rapidi gli assi di riferimento dell’agire politico. Il quadro generale è quello della crisi della democrazia liberale , di esasperata volatilità elettorale, di formulazione di tesi intorno all’idea del distacco tra […]

Leggi di più…

L’antifascismo necessario

di Franco Astengo Ricevo questa segnalazione: Nel primo semestre del 1921 vi furono, nella sola pianura padana, almeno 726 distruzioni operate dalle squadre fasciste: 17 giornali, a cominciare dall’Avanti!, e tipografie, 59 case del popolo, 119 camere del lavoro, 107 cooperative, 83 leghe contadine, 8 società mutue, 141 sezioni socialiste o comuniste, 100 circoli di […]

Leggi di più…

ASTENSIONE E DECLINO DEL POPULISMO

di Franco Astengo Questa volta ha colpito verso l’astensionismo quell’alto tasso di volatilità che ormai caratterizza almeno da un decennio l’esito delle diverse tornate elettorali che si sono svolte in Italia . Uno “scambio” nel voto di tale portata al punto da rendere difficoltosa una qualche accurata analisi del voto. Si preoccupano gli analisti : […]

Leggi di più…

A partire da Balibar: considerazioni e interrogativi sul presente (e sul futuro …)

di Fulvio De Lucis Nel 2020, proprio un anno fa nel maggio, mi capitò di leggere un articolo di Etienne Balibar, col mio solito disordine mentale, per poi accantonarlo, uno dei miei soliti errori da principiante. Forse alcune riflessioni, oggi, sono necessarie per capire meglio le scelte che la crisi ci sta imponendo. Balibar sottolinea […]

Leggi di più…

Terrorismo

di Franco Astengo Il lungo testo dell’intervista sul terrorismo rilasciata dal presidente Mattarella a Repubblica è attraversata da un “nocciolo duro” . Una tesi di fondo riferita alle “incompletezze” degli elementi di conoscenza di cui disponiamo rispetto a quel tragico periodo. Dobbiamo interrogarci però sul dove dovrebbe essere ancora rivolta la domanda di verità avanzata […]

Leggi di più…

In memoria di Santo “Ino” Imovigli

di Franco Astengo e Bruno Marengo Lo stare sempre dalla parte dei lavoratori e il rigore morale rappresentavano i tratti distintivi di Ino Imovigli, segretario della Camera del Lavoro di Savona dal 1970 al 1979, in una provincia nella quale il “cuore” della società e dell’economia erano ancora rappresentati dalla classe operaia, quella forte, stabile […]

Leggi di più…